venerdì 15 ottobre 2021

Platone, Teeteto

 



PRIMA PARTE: COMPARSA DEI PERSONAGGI; IMPOSTAZIONE DEL TEMA (CHE COSA È LA CONOSCENZA?); OSSERVAZIONE SULLA MAIEUTICA

 Premessa                                                                                                                                                                   Euclide e Terpsione si incontrano mentre il secondo di ritorno dai campi ed Euclide ha accompagnato per un tratto Teeteto reduce malconcio da una battaglia. Ciò è occasione per ricordare le virtù di Teeteto e un dialogo da lui avuto con Socrate, dialogo che lo stesso Euclide ha trascritto nei suoi appunti. Così i due personaggi decidono di leggerlo con l'aiuto di uno schiavo.

 Entrata in scena dei personaggi                                                                                                                             Il testo ha come protagonisti Socrate, Teeteto e il matematico Teodoro. Euclide dice di aver scelto la forma drammatica e non epica per non dare noia al lettore e, diciamo, per essenzialità. Noi sappiamo che tale forma descrive la comunità ideale dei filosofi come oggetto compiuto senza bisogno di abbellimenti che rendano la scena più “etica” (143c). Il dialogo effettivo inizia con un elogio di Teeteto fatto da Teodoro. Questi dice che il ragazzo è stupefacente per capacità ed è in grado di apprendere ciò che ad altri è difficile. Tra le tante ulteriori qualità, possiede anche quella di essere generoso nel maneggiare il denaro. Socrate comincia a parlare della somiglianza tra lui e Teeteto, così come l'aveva adombrata Teodoro. Tuttavia, dice, siccome Teodoro non ne sa molto di somiglianze, non essendo un disegnatore, non bisogna dargli troppa retta. Teeteto viceversa deve dar prova delle lodi che gli ha fatto Teodoro. Il ragazzo, dal canto suo, si mostra disposto a imparare da Teodoro e da chiunque sappia e sia esperto in qualche disciplina. Ciò suscita la domanda su che cosa significhi imparare. La risposta di Socrate, in forma dubitativa, allude al processo per cui si accresce la propria sapienza, laddove la sapienza rende gli altri sapienti. E che cos'è la sapienza se non la conoscenza? Certamente la sapienza è conoscenza: a questo punto si può ulteriormente domandare che cosa sia la conoscenza. Ecco evocato il tema fondamentale del Teeteto.

 Prima di parlare del tema: la necessità dell’essenza e la maieutica

La prima parte del dialogo (145 e) inizia con l’immediata risposta che dà Teeteto, solo preceduta da un'affermazione che viene subito superata: le conoscenze sarebbero le varie tecnai, le arti, i saperi e le abilità di cui è possibile un’enumerazione. Enumerare le conoscenze, tuttavia, non vuol dire definire la conoscenza in sé e per sé. Se si citano le conoscenze senza sapere che cosa è la conoscenza, cioè la sua essenza, non si capisce di che cosa si parla a proposito delle singole conoscenze. In effetti, durante una lezione di Teodoro sul concetto di quadrato, a Teeteto viene in mente di individuare l'esempio matematico di come si raduna una molteplicità di numeri diversi sotto un unico genere e un'unica definizione, quella appunto di quadrato. Ebbene, la stessa cosa si dovrebbe poter fare attorno al tema della conoscenza, dato il fatto che i dialoganti concordano che il problema sia degno di un’indagine approfondita.

Ciò è occasione per un'altra premessa di Socrate. Egli precisa di esercitare la stessa arte di sua madre Fenarete (colei che fa apparire la virtù). Egli riporta anche una diceria sulla sua presunta eccentricità e sul fatto che mette al vaglio certezze agli altri (facendole crollare). Questo perché non fornisce conoscenze ma al contrario consente agli altri, che ne sono pregni, di partorire le proprie. Socrate, insomma, fa la stessa cosa che fa una levatrice, solo che nei confronti di uomini, di anime, e relativamente al pensiero dei giovani e ai suoi frutti, cioè la verità o la falsità. Chi sta con Socrate, e lo ascolta, ha quindi le doglie e questo è il dolore che si accompagna al parto della verità. Ed è proprio questo che sospetta Socrate nei riguardi di Teeteto: che abbia le doglie. Così il maestro chiede al ragazzo se è disposto a parlare con lui per valutare se è in procinto di partorire una verità oppure una qualche falsità, e questo lo si farà mettendo alla prova le sue conoscenze nel dialogo.

SECONDA PARTE: DISCUSSIONE SUL RAPPORTO CONOSCENZA-SENZAZIONE; TRATTAZIONE DEL RELATIVISMO DI PROTAGORA E DEL MOBILISMO DI ERACLITO

Prima risposta di Teeteto: la conoscenza è sensazione (riferimenti a Protagora ed Eraclito)

Ecco allora che, alla risposta positiva di Teeteto, inizia la vera e propria argomentazione a partire da una definizione di conoscenza che nel dialogo viene fatta risalire a Protagora (151 e): poiché chi sa, sente quel che sa, allora la conoscenza è sensazione. Ma la sensazione è qualcosa che appartiene al singolo uomo, pertanto "ciascuna cosa è per me quel che appare a me, ma è per te quel che appare a te: uomo sei tu, uomo sono io". Ciò conferma quell'assunto fondamentale secondo cui, per il sofista, "l'uomo è misura di tutte le cose: di quelle che sono per come sono, e di quelle che non sono per come non sono" (152 a). Esempi che si possono avanzare di sensazioni che sono diverse a seconda dei diversi individui confermerebbero la tesi di Protagora. Ma siccome per ognuno le cose sono tali quali uno le sente, e su questo non è possibile alcuna forma di confutazione, per ciascuno, la conoscenza, per mezzo della sensazione, è assolutamente infallibile.

Qui si può avanzare una prima osservazione critica: Protagora, dice Socrate, presenta la sua tesi come una verità, e quindi non in modo relativistico, come dovrebbe essere in relazione al suo assunto di partenza sull'uomo misura. Sembra allora che, per evitare tale contraddizione, la sua dottrina abbia in realtà un fondamento esoterico non relativistico, diverso dal relativismo che egli ha manifestato a prima vista. Tale fondamento esotericamente non relativistico è la verità secondo cui tutto ciò che esiste è in continuo movimento: dallo spostamento, dal moto e dalla mescolanza delle cose fra loro vengono fuori tutte le cose che noi, con parole scorrette diciamo che esistono. Nulla, infatti, mai esiste: le cose sono sempre in divenire" (152 d). A favore di questo mobilismo c'è l'argomento secondo cui il moto, la vita e l'essere sono fenomeni strettamente legati. In particolare, il moto dell'anima è l'apprendimento e con esso l'anima migliora la sua condizione. Ed è propriamente nel moto che si generano le sensazioni che stanno alla base dell'apprendimento.

Come si generano le sensazioni?                                                                                                                          Ma qual è il loro modo di generarsi? (154 a). Le sensazioni non vengono né dall'oggetto, né dal soggetto, ma precisamente dalle qualità che l’oggetto viene ad avere nell'impatto con i sensi. In questo impatto diverso è il soggetto cui appaiono le cose, perché sempre in divenire; diverso è l'oggetto della sensazione; ossia: la sensazione è prodotta da un oggetto in divenire che si “scontra” con un soggetto parimenti in divenire che possiede gli organi di senso. Così "ogni cosa che chiameremmo colore, per esempio, non sarà né il soggetto, né l’oggetto dell'impatto, ma qualcosa venuto fuori nel mezzo e diverso per ognuno" (154 a). Quindi, come accade per il soggetto, anche un oggetto non esiste con una qualità fissa.

L’obiezione dei dadi: essi assumono caratteri diversi pur rimanendo in sé immutati                             Contro questa prospettiva Socrate fa il famoso esempio dei dadi (154 c). Prendiamo un insieme di dadi: essi sono in un certo numero, per esempio sei ma, se vengono accostati a un insieme di quattro, si direbbe che sono di più; mentre accostati a uno di dodici, si direbbe che sono di meno. Quindi, rimanendo immutati, essi sarebbero al tempo stesso più e meno. Nondimeno questa è una prospettiva solo apparentemente vera, ma in realtà di carattere sofistico. L'esempio dei dadi dimostrerebbe che non sono veri i seguenti assiomi:

1) ciò che è uguale non può essere maggiore o minore;

2) ciò che non accresce o diminuisce rimane uguale;

3) è impossibile il passaggio dal non esistere all'esistere senza un divenire.

Teeteto rimane sgomento da questo ragionamento, ma Socrate ribatte che la meraviglia è il sentimento del filosofo (155 d). Dal mobilismo di Protagora/Eraclito si possono dedurre i seguenti elementi: tutto è moto, l'essere visibile infatti si muove, dal sensibile viene la sensazione e il sensibile nasce insieme alla sensazione. In questa nascita sia l'organo di senso sia l'oggetto della sensazione sono in moto. Sicché "da tutto questo risulta proprio quello che dicevamo al principio: niente esiste in sé e per sé, ma sempre diviene in relazione a qualcosa e l'esistere va estirpato da ogni luogo" (157 a-b). In questa logica il rimanere sei dei dadi è solo apparente, perché nell'infinita trama delle cose essi realmente non hanno una propria consistenza bensì il loro essere è dato dal loro divenire nelle relazioni. Dunque, in tale logica l’obiezione non funziona perché, se è la relazione a definire l’insieme dei dadi, tale insieme mutando le sue relazioni con i diversi insiemi cui viene accostato, non rimane lo stesso (cfr. ibidem).

L’argomento della fallacia delle sensazioni nei soggetti malati o dormienti o collocati in particolari circostanze, e la sua confutazione

Teeteto afferma che il discorso "sembra filare a meraviglia" (157d), cioè che il mobilismo di Protagora e la visione della conoscenza-sensazione sempre vera funzioni. Tuttavia, Socrate fa presente alcuni problemi: i sogni, le malattie, quando si dice di sentire le voci, o di avere le traveggole sono testimonianze che in questi momenti si viene traditi dai sensi. Quindi esistono sensazioni false. O addirittura non vi è possibilità di distinguere, tant'è vero che nel sogno e nella veglia ugualmente l'anima sostiene che i suoi pareri siano veri, pareri che peraltro non vi è possibilità di distinguere sotto il profilo quantitativo, perché il tempo del sonno e della veglia è più o meno lo stesso. Il problema si risolve, secondo Socrate, in questa maniera: una cosa che sia completamente diversa da un'altra non può mai avere qualcosa di uguale a questa (158 e). Ma quando le cose in diverse relazioni con altre si assimilano di volta in volta agli oggetti con cui entrano in relazione e in questo modo divengono esse stesse diverse, questo genera un infinito numero di soggetti e di oggetti che si mescolano in infinite combinazioni. Dunque, Socrate ammalato è diverso da Socrate sano (159b): essi sono due diverse identità perché in essi Socrate si è assimilato di volta in volta alla malattia e alla salute, diventando prima una cosa e poi un'altra. Allo stesso modo nella sensazione i diversi elementi attivi, cioè gli oggetti (attivi perché provocano le sensazioni), incontrandosi con diversi elementi passivi, cioè i soggetti (passivi perché ricevono le sensazioni negli organi di senso) come, per esempio, di volta in volta Socrate sano e Socrate malato, genereranno cose diverse, cioè diverse sensazioni. Dunque, per Socrate sano il vino sarà dolce, per Socrate malato il vino sarà amaro (159 d-e; e ciò vale anche per Socrate sveglio e Socrate dormiente, n.d.r.). Di conseguenza rimane confermato che se accade sempre che l'oggetto è per il soggetto, esso è sempre tale e quale il soggetto lo sente, quindi ognuno di noi è giudice insindacabile delle cose che sono per come sono e di quelle che non sono per come non sono. Infine, rimane anche vero che non sia possibile alcun errore.

 

Nuovi argomenti contro l’uomo misura e l’equivalenza conoscenza-sensazione: anche gli animali hanno sensazioni, udire parole in altre lingue, ricordare cose conosciute di cui non si ha sensazione

Sembra allora che si possa concludere che la conoscenza è sensazione. Questo è il parto che Socrate ha fatto avvenire. Tuttavia, egli ritiene necessario ulteriormente provarlo con discorsi, per appurare definitivamente la sua verità o falsità. 

Innanzitutto, si potrebbe domandare perché Protagora ha detto che misura di tutte le cose è l'uomo e non un altro animale capace di sensazione, degradando l'uomo al cane o al girino (161 c-d). Inoltre, se nessuno può valutare il parere di un altro, perché la conoscenza è sempre vera, allora ciascuno può giudicare solo le sue esperienze e anche Protagora non potrebbe affermare le sue idee come migliori di quelle di qualsiasi interlocutore (161 d-e). Insomma, se l'uomo è misura, è inutile dialogare. In realtà sembra che, nella sua inconfutabilità, la misura di Protagora renda indifferenti e parifichi dei e uomini (162 c), e Teeteto ha creduto alla tesi della conoscenza-sensazione solo perché è giovane e dà troppo ascolto a discorsi fatti per la folla e un po' sofistici.

Tuttavia, Socrate si immagina che Protagora lo rimproveri di superficialità, perché le argomentazioni opposte sono piuttosto affermazioni paradossali che non prove cogenti. Per rispondere a Protagora bisognerebbe riprovare ad analizzare il tema nuovamente e rivedere le proprie posizioni. A questo punto vengono fuori le argomentazioni per cui noi cogliamo con la sensazione le parole dei barbari ma non le conosciamo e se degli analfabeti vedono delle lettere, pur avendone sensazione, in realtà non le conoscono (163 b-c).

Inoltre, se avere sensazioni, come per esempio il vedere, significa conoscere, e non averle significa non conoscere (164 a-b), ci si troverebbe nella condizione per cui chi ricorda qualcosa ad occhi chiusi, quindi non vedendo, non avrebbe conoscenza della cosa che pur ricorda, e questa sarebbe una mostruosità. Di conseguenza il conoscere non può coincidere con la sensazione.

 

Socrate difende Protagora: chi si mette dalla parte di Protagora deve stare attento ai mercenari della parola (164 e ss)

Soccorrendo Protagora, Socrate sottolinea come i suoi avversari, giocando con le parole, possano accusarlo di ammettere cose impensabili, per esempio, l'enormità secondo la quale è possibile che chi conosce non conosce quel che conosce. Infatti l’avversario di Protagora dirà al sostenitore della conoscenza-sensazione che se si chiude un occhio a Tizio e gli si chiede se vede un mantello, Tizio risponderà che vede (con un occhio) ciò che non vede (con l'altro). Ma, se vedere equivale a conoscere, e il non vedere è non conoscere, uno si troverebbe a conoscere ciò che non conosce e a non conoscere ciò che conosce. Questi ed altri sono i possibili agguati di quelli che chiameremmo mercenari della parola cui si espongono quelli che sostengono l'equivalenza di conoscenza e di sensazione.

 

Socrate difende Protagora

Di fronte agli argomenti che abbiamo ora portato prima di tutto Protagora noterebbe che, se è vero come è vero che è impossibile che un ricordo rappresenti esattamente l'oggetto quale era nella sensazione originaria, allora è anche vero che il ricordo è diverso strutturalmente dalla sempre vera sensazione originaria (166 b), ciò perché dalla sensazione al ricordo è passato del tempo che può aver modificato la verità della sensazione.  Questi cambiamenti possono determinare l’evento apparentemente paradossale per cui uno sa e non sa la stessa cosa. In realtà non è lo stesso soggetto che sa e non sa, ma sono due soggetti diversi cioè il soggetto-che-sa è quello che ha avuto la sensazione; quello che-non-sa è colui che ricorda a distanza di tempo e non ha presente i caratteri originariamente comunicati dalla sensazione (166 b-c).

Infine Protagora dirà che le cose sono come appaiono a ciascuno, ma il sapiente sarà in grado di mutare questa apparenza, facendo in modo che le cose che appaiono e sono cattive, appaiano e siano buone (166 d). Essere sapienti, infatti significa favorire una condizione migliore, non stabilire teoreticamente ciò-che-è, perché su questo tema ognuno ha la sua idea vera. Così come il medico favorisce la salute del corpo mediante i farmaci, allo stesso modo il sofista favorisce la salute dell'anima mediante i discorsi e, sempre mediante i discorsi, il retore capace e sapiente produce pareri giusti in luogo di quelli cattivi. Quindi le conoscenze non sono mai più o meno vere, ma sono più o meno utili. Ciò vale anche per l'educazione: bisogna educare non al vero ma al meglio. Infatti, quello che fa Protagora non è cercare l'oggettività nella correzione all'interno del dialogo e in vista del mutamento di opinione dell'interlocutore, non è una verità conoscitiva, ma un reindirizzamento pratico del soggetto. A quest'ultimo proposito Protagora ribadirebbe la sua tesi, chiedendo che sia discussa seriamente (168 c).

 

Ripresa delle tesi di Protagora e loro confutazione (peritropé)

Bisogna allora ricominciare a fare sul serio riguardo alle tesi di Protagora. In questo frangente Socrate chiede a Teodoro di farsi coinvolgere nuovamente nel dialogo (169 a-d). Dunque, prosegue con lui. Egli vuole sincerarsi di trattare realmente un argomento protagoreo e prende dunque spunto dalla tesi secondo cui quel che sembra a ciascuno è per lui anche vero. Egli nota che in alcune situazioni di difficoltà è normale affidarsi a chi si ritiene più sapiente e che questo implica un giudizio e una differenza tra la sapienza e l'ignoranza. Ciò implica che non tutti i pareri sono veri e che di fronte a un certo parere (doxa) è sempre possibile che qualcuno lo giudichi falso. Se tuttavia uno pensa che ciascuno ha la sua verità e una certa tesi è vera per una certa persona, egli si troverà in difficoltà quando molte persone avranno una tesi contraria alla propria. Perché se per ognuno è vera la sua verità, allora è vera la verità di chi ha parere opposto al suo. Dunque, dovrebbe ammettere che la opinione falsa è la sua. Se chi dice l'opposto di Protagora ha un parere vero, nessuno può essere misura di nulla perché la sua misura scomparirà di fronte al parere opposto. E questo accadrà a maggior ragione se la verità di Protagora fosse criticata da tutti: essa non potrebbe essere vera per nessuno, né per qualcun altro né per lui stesso (172 c). Inoltre, se nelle sensazioni immediate la verità è ciò che appare al soggetto, nelle cose più importanti, come la salute o gli affari della città anche i seguaci di Protagora finiscono per ammettere che vi debbano essere pareri vincolanti, come quello dell’intera città nel momento in cui si forma e per tutto il tempo che rimane saldo (173 b).

Digressione sui filosofi e i loro avversari

Teodoro e Socrate hanno evocato un tema assai importante ma, ciò nonostante, osserva Socrate, i filosofi se dovessero parlare in un tribunale finirebbero per fare la figura di parlatori ridicoli. I filosofi, infatti, sono coloro che con calma e agio non saltano le tappe e giungono, pur lentamente, alla verità. I retori, viceversa, nei tribunali, incalzati, ansiosi e fatti meschini da una sorta di lotta per la vita (dalla vittoria nelle cause, infatti, molto spesso dipende la vita) non hanno modo di sviluppare ragionamenti complessi e veritieri. I filosofi non risultano servi dei loro discorsi che vengono conclusi quando a loro stessi pare giusto, e non secondo la volontà di un giudice o di uno spettatore (173 c). A questa prospettiva esplicitata da Socrate e su cui Teodoro converge, Socrate stesso aggiunge l’opinione comune relativa al filosofo astratto e fuori dal mondo, di cui il distratto Talete sarebbe un prototipo e che mostrerebbe grande goffaggine e incapacità nei tribunali. Costui si attirerebbe anche l'astio dei cittadini per la sua tendenza a non tenere conto delle opinioni comuni e del prestigio degli antenati. Il filosofo, viceversa, si volge alle cose che contano veramente: la giustizia in sé, l'ingiustizia e la loro reale differenza; la felicità, l’infelicità e come l'una e fuggire l'altra. Riguardo a questi argomenti il filosofo si esprime con competenza, facendo apparire ridicolo e meschino il leguleio e l'oratore dei tribunali. Teodoro sostiene che sarebbe molto bello se Socrate persuadesse di questi argomenti la generalità delle persone. In questo modo si diminuirebbe il numero dei mali (176 a). Socrate ribadisce che non è possibile eliminare le figure negative e il male dagli uomini. Ma proprio per questo bisogna proporre loro il modello più veritiero di vita, che consiste "nel farsi simile a Dio nella misura del possibile" (176 b), elevandosi agli dei, laddove non esiste il male. Questa è la vera virtù che manifesta tutta la sua superiorità su tutte le abilità e le conoscenze apparenti che si presentano nel potere politico. Queste ultime sono al contrario fatte proprie dai furbi e dai praticoni che accusano i filosofi di essere imbecilli e che invece lo diventano essi stessi loro malgrado. Costoro, infatti, cadono in una pena inevitabile data dalla loro stessa ignoranza e dal fatto che hanno scelto tra il paradigma divino e felice e quello senza Dio e sommamente infelice il secondo. La loro sfrontatezza e astuzia li porta a considerare i filosofi pazzi ma in una conversazione privata la loro retorica crolla, "al punto che fanno la figura dei bambocci" (177 c).

 

Le questioni della città e il loro peso

Riprendendo il discorso di prima, Socrate nota che se Protagora ha detto che il parere per ciascuno è quello vero, nelle questioni relative alla città le cose sono più delicate e complesse: non basta la convinzione dell'utilità di un provvedimento, ma bisogna andare oltre le questioni puramente retoriche e nominali e giudicare la cosa stessa. Che l'opinione possa sbagliare è confermato dal fatto che le leggi per la città hanno come scopo l'utilità e tale obiettivo a volte si raggiunge a volte no. In generale si può dire che i provvedimenti decisi nelle città sono rivolti al futuro. Funziona il criterio di Protagora per il futuro? È vero anche in questo caso che di tutte le cose l'uomo è misura? Riguardo agli eventi futuri, risulta molto chiaramente che conviene affidarsi a chi è esperto, perché il suo parere ha molte più probabilità di essere confermato. In questo caso è evidente che il medico sarà più sapiente del non medico circa la salute e l'agricoltore sarà più sapiente del citarista circa la dolcezza del vino. Nella città in particolare solo il sapiente sarà considerato misura e sarà più facile cogliere la falsità di chi fonda la propria convinzione solo sulle sensazioni (179c). Di conseguenza risulterà difficile ammettere che tutti i pareri sono veri.

Verso una critica ontologica: l'eraclitismo (179c)

Andando più a fondo, bisogna mettere alla prova l'ontologia che sta alla base del discorso di Protagora e riferirsi a Eraclito. Tuttavia, non è possibile discutere con i pensatori che fanno capo al gruppo di Efeso che sembrano tarantolati e mancano di metodo, presi dentro come sono nel loro mobilismo assoluto. Essi sono esperti in paroline enigmatiche e rifiutano l'obiettivo di pareri stabili, poiché conducono una lotta senza esclusione di colpi contro la stabilità stessa. Questo impedisce loro di formare una scuola, perché non trasmettono una dottrina con una sua identità, ma ognuno di loro è preso come da un invasamento divino. Pertanto, è inutile parlare con loro ma bisogna, dice Socrate, che noi stessi ci facciamo carico di discutere le loro posizioni. "Tutto si muove" è la loro prospettiva, divenuta ormai popolare e apparentemente confermata da antichi e moderni.

Posizione opposta è quella degli eleati secondo cui tutto è uno e sta fermo in se stesso. Bisognerà pertanto prendere in esame sia i mobilisti sia gli immobilisti e, se poi ci sembrerà che né gli uni né gli altri dicano qualcosa di sensato, ci copriremo di ridicolo perché avremmo scartato uomini antichissimi e sapientissimi. Vedi un po' se ci conviene avanzare verso un simile pericolo, afferma Socrate. Che cosa intendono i mobilisti quando dicono che tutto si muove? Muoversi può voler dire spostamento locale o alterazione. Tutte le cose si muovono per spostamento, cioè cambiamento di luogo, e alterazione, cioè mutamento delle proprie caratteristiche, oppure qualcosa per spostamento e alterazione, qualcosa per spostamento e infine qualcosa solo per alterazione? Bisogna dire che tutto si muove in entrambi i sensi, altrimenti si finirebbe per affermare che le cose si muovono e stanno ferme nello stesso tempo (ciò di cui mutano i caratteri e che è immobile nello spazio, muta e sta fermo al tempo stesso, n.d.r.). Abbiamo altresì detto che la sensazione emerge nell'incontro tra soggetto e oggetto: se tutto si muove, dal punto di vista dell'oggetto non vi sarà alcuna sua qualità data e stabile, come per esempio la bianchezza, ma una solo sentita, come per esempio il bianco; dal punto di vista del soggetto, egli non sarà un sensibile bensì solo un senziente (non c’è un’identità definita dell’oggetto come “cosa”, né una del soggetto come ente sostanziale che ha determinate facoltà, le quali poi si mettono in relazione con l’oggetto, esisterebbe viceversa solo il soggetto-in-relazione-con-l’oggetto n.d.r.). Se il moto consistesse solo nello spostamento potremmo dire le qualità che hanno gli oggetti nel cambiare luogo, perché rimarrebbero gli stessi oggetti. Ma il moto è anche trasformazione e allora ciò non sarà possibile. Per esempio, non sarà possibile nominare il colore di qualcosa, giacché esso sempre cambia, senza parlare in modo scorretto. Anche dal punto di vista del soggetto la sensazione del vedere e dell'udire non rimane mai ferma. Di nessuna cosa allora si potrà dire “vedere”, piuttosto che “non vedere”. Se pertanto nulla è qualcosa piuttosto che il suo contrario allora anche la conoscenza non è sensazione piuttosto che il suo contrario, e ogni risposta è ugualmente giusta. I sostenitori di questa dottrina dovrebbero anche fondare una lingua nuova, perché non esiste un linguaggio che descriva le cose in movimento (183 B).

 

Parmenide e l’eleatismo immobilista

Quanto a coloro che sostengono l'immobilità del tutto, Socrate ha ritegno a esaminare le loro opinioni, in particolare quella di Parmenide. Infatti, egli ritiene che sia troppo complesso e trattarne ora potrebbe fuori tema. Dunque, propone di riprendere la tematica della conoscenza come sensazione (184 B).

 Ripresa della questione conoscenza/sensazione: protagonista della conoscenza è l’anima quindi la conoscenza non è sensazione.                                                                                                                             Ci si domanda se nella sensazione, per esempio nella vista, quest'ultima è quella parte di noi che vede, oppure è il mezzo che permette a noi che vediamo di vedere. Gli occhi, dunque, sono la cosa con cui vediamo, oppure quella attraverso cui vediamo? La risposta è che in realtà l'anima si serve della vista per vedere. Gli organi di senso appartengono al corpo e ogni organo ha il suo oggetto specifico. Così è per l'udito e la vista che hanno per oggetto il suono e il colore. Di tutte e due si può dire che esistono, che sono ciascuno diverso dall'altro, che insieme sono due e separatamente sono uno e si può vedere se sono simili o dissimili fra loro. Questi caratteri comuni al suono e al colore come si definiscono? Se la conoscenza è sensazione, ciò è impossibile. Al contrario l'esame dei caratteri comuni sarà condotto con l'anima, quella facoltà che si esprime attraverso la lingua e con la quale veniamo appunto a conoscenza dei caratteri comuni stabilendone l'esistenza. È proprio l'anima che attraverso se stessa, sembra, indaga quel che a tutte le cose è comune, conclude Teeteto (185 e). Socrate precisa che l'anima, attraverso se stessa, indaga alcune proprietà (non corporee), come per esempio l'essere, il pari e il dispari, e attraverso i sensi indaga le proprietà corporee, come per esempio il duro e la durezza (mediante il tatto). Le proprietà sensibili si colgono in modo più facile e immediato sin dall'infanzia; gli altri caratteri, per esempio l'esistenza e l'utilità, sono più difficili da conoscere e da elaborare. Ma senza cogliere questi ultimi sarà impossibile cogliere la verità. "Non nelle affezioni risiede quindi la conoscenza, ma nel ragionamento che ci si costruisce attorno. È qui che si possono toccare essere e verità, mentre là (nella sensazione) risulta impossibile" (186 d). Pertanto, bisogna concludere che il sentire e la sensazione non sono conoscenza (186 e).

TERZA PARTE LA CONOSCENZA COME PARERE VERO CONTRAPPOSTO A UNO FALSO: COM’È POSSIBILE UN PARERE FALSO?

La conoscenza non-sensibile e il parere falso (I parte)                                                                                         La conoscenza va quindi cercata nel campo del non-sensibile. Quando l'anima si arrovella su ciò che esiste, questo si chiama doxazein, cioè formulare un parere. Che cosa è la conoscenza? Dire che è un parere qualsiasi non è possibile, visto che esistono pareri falsi (187b). Invece potrebbe essere conoscenza il parere vero contrapposto a quello falso. Come accade che ci si possa formare un parere falso? "Giocoforza chi si forma un parere lo farà a proposito di qualcosa che sa (del tutto) o non sa (per niente)" - l’apprendimento e l’oblio come stati intermedi fra il sapere tutto e il non sapere niente Socrate li lascia da parte perché dice che non hanno rilevanza per il suo discorso (188 a-b). Nel parere falso vengono ad accadere i seguenti fenomeni che lo rendono problematico: 1) chi formula il parere penserà che ciò che egli sa sia un'altra cosa, scambiando una cosa con l’altra, cosicché l'una e l'altra al tempo stesso le sa e le ignora. 2) Oppure egli penserà che ciò che non sa sia un'altra cosa di quelle che non sa, come se non conoscendo né Teeteto né Socrate, potesse confondere Teeteto con Socrate e viceversa. 3) In terzo luogo, egli penserà che quel che sa sia quel che non sa o viceversa. Il che sarebbe ancora una "mostruosità" (188 c). Quindi, date tali premesse, cioè che ogni cosa o la sappiamo o non la sappiamo (il ragionamento non funzionerebbe ammettendo una conoscenza parziale), il parere falso appare impossibile.

 Il parere falso riguarda ciò che non esiste (II parte)                                                                                              In alternativa il discorso falso si può definire nel seguente modo: "Formulare un parere riguardo una cosa che non è" indipendentemente dalla condizione di sapere o non sapere in cui ci si trova. Ma

 - siccome, dando per scontato il fatto che l'uno esiste, chi formula un parere su un qualcosa implica sempre che questo qualcosa sia almeno uno e l'uno sicuramente esiste,

-  allora chi formula un parere su un qualcosa formula sempre un parere su qualcosa che esiste.

- Di conseguenza, chi formula un parere su ciò che non esiste formula un parere su nulla e chi non formula nulla in nessun modo formula pareri (189 a).

Pertanto, formulare un parere falso è altra cosa rispetto al formularne uno su ciò che non esiste.

Il parere falso come scambio di oggetti nel discorso interiore (III parte)                                                  Allora, un'ulteriore possibilità sarebbe che il falso parere sia uno scambio di qualcosa che esiste con qualcos'altro che pure esiste: "L'atto di mancare quel che si stava cercando potrebbe a buon diritto chiamarsi falso parere" (189 c). Quando il pensiero fa questo, pensa due cose o insieme, o una per volta. Ma che cos'è l'atto di pensare? "È un discorso che l'anima fa con se stessa intorno a ciò che prende in esame" (189 e). Propriamente il formulare pareri è un discorso compiuto fatto a se stessi in una sorta di dialogo interiore. In questo caso scambiare l'oggetto del pensiero significa dire a se stessi che una cosa è un'altra. Tuttavia, nessuno dice mai a se stesso cose che sa essere false come per esempio che il bue è un cavallo o il due è uno. Ciò non è possibile se queste cose sono entrambe abbracciate con l'anima. Se il parere è invece formulato su una cosa sola non si può scambiare una con l'altra e quindi il falso parere non può essere uno scambio.

Il plastico di cera (191 c)                                                                                                                                  Però, per evitare paradossi, in qualche modo bisogna ammettere l'esistenza di un discorso falso. E quindi bisogna proseguire nell'analisi. In realtà, dice Socrate, non è vero in senso assoluto che è impossibile che quel che si sa possa essere invece quel che non si sa: infatti si può sapere qualcosa parzialmente, così come accade quando si sta imparando qualcosa e si impara in un secondo tempo qualcosa che prima non si sa (191 c). Questo può essere considerato uno stadio intermedio tra il conoscere e il non conoscere. Per verificare questa ipotesi supponiamo che l'anima ospiti un plastico di cera (191 c). Tale plastico trattiene conserva le immagini sensibili in modo ineguale a seconda della purezza della cera e della sua malleabilità. Nel plastico si imprimono sensazioni e pensieri. Ciò che rimane impresso si conosce e si ricorda; ciò che viene cancellato o non riesce a rimanere impresso plasmando il plastico, si dimentica e non si conosce. Su questa base si possono ipotizzare i seguenti casi, in cui però il parere falso sembra impossibile, eccetto che in tre occasioni.

 

Oggetto X

Conoscenza nell’anima

Conoscenza sensibile

Ricordo

(impressione nella cera)

Oggetto y

Conoscenza nell’anima

conoscenza sensibile

Ricordo

(impressione nella cera)

 

1) L’oggetto X

Che si sa

che non si sente

E si ricorda

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

Che pure si sa

Che non si sente

Ma comunque si ricorda

Casi che trattano della sola conoscenza

2) L’oggetto X

Che si sa

 

 

Non può pensare essere scambiato con l’oggetto y

 

 

Che non si ricorda

3) L’oggetto X

Che non si sa

 

 

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

Che pure non si sa

 

 

4) L’oggetto X

Che non si sa

 

 

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

Che si sa 

 

 

5) L’oggetto X

 

Che si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto y

 

Che pure si sente

 

Casi che trattano della sola sensazione

 

 

 

 

 

 

 

6) L’oggetto X

 

Che si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

 

Che non si sente

 

7) L’oggetto X

 

Che non si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto y

 

Che non si sente

 

8) L’oggetto X

 

Che non si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

 

Che si sente

 

9) L’oggetto X

Che si sa

Che si sente

Che si ricorda (secondo la sensazione)

Non può essere scambiato con l’oggetto Y

Che si sa

Che si sente

Che si ricorda (secondo la sensazione)

Casi che trattano di conoscenza e sensazione

10) L’oggetto X

Che si sa

Che si sente

Che si ricorda (intellettivamente)

Non può essere scambiato con l’oggetto y

Che pure si sa

 

 

11) L’oggetto X

Che si sa

Che si sente

E così via

Non può essere scambiato con l’oggetto y

 

Che si sente

 

12) L’oggetto X

Che si sa

Che si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto y

Che non si sa

Che non si sente

 

13) L’oggetto X

Che non si sa

Che non si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto y

Che non si sa

 

 

14) L’oggetto X

Che non si sa

Che non si sente

 

Non può essere scambiato con l’oggetto y

 

Che non si sente

 

15) L’oggetto X

Che si sa

 

 

PUÒ ESSERE SCAMBIATO CON L’OGGETTO Y

Che si sa

Che si sente

 

È il caso in cui si scambia qualcosa che si percepisce, non importa se conosciuta o no, con qualcosa che si conosce

(rapporto conoscenza-sensazione)

16) L’oggetto X

Che si sa

 

 

PUÒ ESSERE SCAMBIATO CON L’OGGETTO Y

Che non si sa

Che si sente

 

17) L’oggetto X

Che si sa

Che si sente

 

 PUÒ ESSERE SCAMBIATO CON L’OGGETTO Y

Che si sa

Che si sente

 

(rapporto conoscenza sensazione)

1) esempio Teeteto

Lo conosco

Non lo sento

Me lo ricordo

Non può essere scambiato con Teodoro

Lo conosco

Non lo sento

Me lo ricordo

Esempi

2) esempio: se uno di voi

Lo conosco

Non lo sento

 

Non posso scambiarlo con l’altro

Che non conosco

Che non sento

 

3) esempio: se nessuno di voi

Lo conosco

Né lo sento

 

Non posso scambiare ciascuno con l’altro

Che non conosco

 

 

 

In sostanza non si possono formulare pareri falsi, cioè scambiare tra loro due oggetti se:

1) li conosco entrambi o non li conosco entrambi;

2) ne conosco uno solo;

se:

1) li sento entrambi o non li sento entrambi;

2) ne sento uno solo.

Invece si possono formulare pareri falsi, cioè scambiare tra di loro due oggetti,

se:

1) conosco un oggetto e me ne ricordo, ma lo confondo con un altro, confrontandolo con la sensazione di quest'ultimo.

Quindi ci può essere parere falso solo quando vengono accostate conoscenze e sensazioni e quando un oggetto sconosciuto viene scambiato con un altro sentito o viceversa quando la "conoscenza che ho non combacia con sensazione" (193 d) oppure, detto in altre parole, si possiede una conoscenza ma non si riesce a riferirla alla sensazione corretta, oppure ancora si riferisce una sensazione alla rappresentazione sbagliata. Pertanto, non ci si confonde mai tra rappresentazioni, cioè tra oggetti conosciuti ma solo quando c'è un rapporto tra rappresentazioni e sensazioni. Quando invece si collegano fronte a fronte e rettamente l'impressione e le impronte appropriate, cioè le rappresentazioni nella nostra anima, allora vi è un parere vero.

Quando la qualità dell'anima è buona, cioè la cera è malleabile e al tempo stesso raccoglie durevolmente le impressioni, allora vi saranno corretti ricordi, pareri veri e quindi sapienza. Quando vi sarà un difetto nella cera o per scarsa o eccessiva malleabilità, oppure per impurità, l'anima sarà meno buona: chi ha cera (troppo) malleabile è perspicace ma smemorato, chi invece ha cera (troppo) dura il contrario. Le anime più meschine sommeranno questi difetti.

Socrate sembra aver dunque scoperto che "il falso parere non risiede nel rapporto reciproco fra le sensazioni e neppure fra i pensieri, ma nel contatto fra sensazione e pensiero" (195 c-d) … ma ne siamo proprio sicuri? 

Scambio tra pensieri. Autoconfutazione di Socrate: anche nei soli pensieri è possibile confondersi          Socrate conviene che è molto difficile pensare a un uomo, considerarlo tale e al tempo stesso pensare a un cavallo, considerandolo tale, e confondere i due (195 d). Ma diversamente accade quando si pensi alla rappresentazione dei numeri. Nell'operazione 5 + 7 = 12 è proprio vero che nessuno si sia mai sbagliato? Facendo la somma mentale di questi numeri, quando piccoli, è difficile sbagliarsi, ma quando grandi è molto più facile. In questo caso accade proprio che si pensa che ciò che si sa sia un'altra cosa dalle cose che pure si sanno. Allora bisogna dire che il falso parere in realtà non risiede solo nel rapporto pensiero-sensazione, ma dentro il pensiero stesso, per cui accade, in modo inaccettabile, che non si sa quello che pur si sa (196 c); l'unico modo per fuggire quest’ultima conclusione sembra rifiutare la possibilità di un parere falso. Teeteto dice sconsolato che Socrate gli propone una strada senza via d'uscita. Nondimeno, secondo Socrate, si possono fare passi avanti, ma li si fa solo se si chiarisce che cosa è l'atto del conoscere. Finora, infatti, si sono usati termini come “conosciamo”, “sappiamo” o “non sappiamo”, senza aver chiarito fino in fondo il presupposto concettuale necessario cioè la conoscenza, ossia l'atto del conoscere.

La colombaia: avere conoscenze latenti e sbagliare nella loro esplicitazione.                                                   Qui Socrate introduce la distinzione tra possedere una conoscenza e averla a disposizione, facendo il parallelo tra possedere un mantello e indossarlo. Sulla base di questa distinzione egli propone l'immagine dell'anima come se in essa ci fosse una colombaia con dentro uccelli di tutti i tipi, che rappresentano le conoscenze. Dunque, le conoscenze acquisite sono stipate nell’anima, così come lo sono gli uccelli nella colombaia. Successivamente chi le vorrà aver effettivamente a disposizione, le cercherà lì dentro come colui che nella sua colombaia va a prendere un uccello che vuole avere fra le mani. Il matematico, per esempio, conosce tutti i numeri. Poi quando fa di conto va in cerca dei numeri che gli interessano nella sua anima. Allora relativamente alla conoscenza si può costruire l'immagine della caccia e del possesso in parallelo con quello delle colombe. La caccia è di due specie: la prima ha per fine il possesso stesso; la seconda interessa colui che è già possessore e ha per fine il prendere e tenere fra le mani quel che si possedeva già da tempo, cioè l'avere a disposizione effettivamente. Così è per la conoscenza: prima c'è l'apprendimento, poi c'è la ripresa e la gestione effettiva di quel che già si era appreso (198 d). In questo modo, se rimane impossibile non conoscere ciò che già si sa, è possibile, tra le proprie conoscenze, afferrare un falso parere: “Si può infatti avere in mano non la conoscenza giusta, ma una diversa da quella richiesta: a caccia di conoscenze che svolazzano qua e là, uno può fallire il colpo e prenderne una per un’altra” (199b). A questo punto sorge un altro problema, anche ammessa la differenza tra una conoscenza attuale (quella catturata) e una latente (la colombaia), quando la conoscenza latente diventa attuale ci si dovrebbe ben accorgere che non è quella giusta e quindi evitare di proferire un falso parere, ossia un giudizio. Com’è che questo non avviene? E se questo non avviene il falso giudizio continua ad essere un non conoscere ciò che in realtà si dovrebbe conoscere. La soluzione potrebbe essere quella che nella colombaia ci siano conoscenze e non-conoscenze concernenti lo stesso oggetto. Cosicché il falso parere sarebbe l’afferrare una non conoscenze. Ma qui ritorna nuovamente il problema chi è consapevole di formulare un falso parere, come può essere consapevole di qualcosa che nemmeno conosce? Si ritorna cioè ad alcuni casi della tabella riconosciuti come impossibili (credere che una cosa conosciuta sia un’altra che però non è conosciuta; credere che una cosa che non si sa sia una che pure non si sa, non conoscendo entrambe) oppure, pensando che conoscenze e non conoscenze siano oggetto di altre conoscenze, si ritiene che chi possiede tali (meta)conoscenze è come se possedesse un’altra (meta)colombaia di conoscenze, che però sono tali solo in forma latente e mai in forma attuale (200 b-c), riproducendo sostanzialmente le stesse aporie della prima colombaia (200 b-c). Si tratta di un ginepraio di contraddizioni da cui non si esce se non si sa che cosa è conoscenza.

 QUARTA PARTE: RITORNO AL TEMA DELLA CONOSCENZA: IL PARERE VERO

La conoscenza                                                                                                                                                         Che cosa è la conoscenza? A tale domanda Teeteto risponde ipotizzando che essa coincida con il parere vero, non soggetto a errore, da cui derivano conseguenze sempre belle e buone (200e). Socrate risponde con una prima confutazione. I giudici in tribunale, ascoltando retori e testimoni non si formano un parere, anche vero, sulla base di una conoscenza (diretta dei fatti), ma di rapporti altrui. Dunque, avremmo un parere vero ma senza conoscenza… Allora Teeteto modifica il tiro: la conoscenza, diceva un tale, è un parere vero sorretto da una spiegazione (logos). Socrate, raccontando quello che egli chiama un sogno (201d), cioè un parere altrui, precisa criticamente, che se ciò è vero, comunque gli elementi primi di cui sono composte tutte le cose non ammettono spiegazione, ma solo il loro nome (“dei principi non c’è scienza, avrebbe detto poi Aristotele, n.d.r.), diversamente da quelli composti. Questi ultimi risultano da un intreccio di elementi primi. Allo stesso modo i nomi degli elementi primi, intrecciandosi formano un discorso, che è ciò che noi chiamiamo spiegazione (logos). Gli elementi primi non si conoscono e sono oggetto di sensazione, mentre le loro combinazioni sono “dicibili e passibili di parere vero” (202c). Quindi ci può essere un parere vero su qualcosa, ma senza spiegazione (dei suoi elementi), in modo che uno è nel vero senza capire, dunque ha un parere vero, ma senza conoscenza.  E viceversa ci può essere un parere vero cui si aggiunge la conoscenza, cioè la spiegazione attraverso gli elementi primi. Come è possibile però che gli elementi non siano conoscibili, ma lo siano le loro combinazioni?

 Sillabe e lettere                                                                                                                                           Proviamo a esaminare le parole e le sillabe e vedere se ciò funziona (202e). Se le sillabe spiegano le parole, le lettere dovrebbero spiegare le sillabe. La lettera S + la lettera O spiegano infatti la sillaba SO di Socrate. Si possono allo stesso modo spiegare le singole lettere? Evidentemente no. Ma se si capisce la sillaba, si dovrebbero capire anche le sue lettere. E allora come è possibile che si capisca qualcosa, le lettere, di cui abbiamo prima detto che non vi è spiegazione? Se la sillaba invece non si riducesse alle lettere, ma ad una loro configurazione (eidos), con una sua propria forma (idea) diversa dalle lettere? Ma se c’è un intero, come la sillaba, esso non può che essere la somma delle sue parti, a meno di non affermare che l’intero è diverso dalla somma delle sue parti. Potrebbe essere il tutto somma delle parti e non l’intero, diversificando tutto e intero (204b). Ma definendo appropriatamente il tutto come ciò cui non manca nulla, esso viene a coincidere con l’intero, che ha la stessa definizione (205a). Pertanto, se la sillaba non coincide con le sue parti, allora è diversa da un intero/tutto e le lettere non saranno le sue parti. Se invece coincide con l’intero tutto, le lettere saranno le sue parti ed esse dovranno essere conoscibili quanto l’intero. Ma se la sillaba ha parti, queste non possono essere che le sue lettere. Se la sillaba è una forma unica e indivisibile e dei primi elementi non vi è logos, allora tale forma unica e indivisibile è come un elemento, cioè priva di logos. Quindi si danno queste due possibilità:

1) la sillaba coincide con le sue lettere e forma un intero di cui le lettere sono parti. Se le sillabe sono conoscibili, lo devono essere anche le parti, essendo le parti identiche all’intero.

2)La sillaba è un’unità priva di parti e sarà inconoscibile, in quanto elemento primo, esattamente come la lettera.

Quindi non è possibile dire che la sillaba è conoscibile, ma non lo sono le sue parti.

Ciò che accade nella realtà è che per conoscere un intero, come la scrittura o la musica, bisogna partire dalle sue parti, le lettere e i suoni, sapendoli gestire nella loro corretta collocazione. Pertanto, gli elementi hanno per esperienza una conoscibilità molto più grande delle loro combinazioni (206b). Quindi non si può dire che la combinazione è conoscibile e non lo è l’elemento primo (206b) e quindi non c’è un parere vero su una combinazione (cosa), senza spiegazione degli elementi primi (conoscenza). Ciò significa che la spiegazione non aggiunge nulla al parere vero.

 Significato del termine spiegazione                                                                                                                       Ma che cosa vuol dire spiegazione? Vi sono tre possibilità:

1) immagine del pensiero impressa nella voce

2) rassegna degli elementi che portano all’intero

3)indicazione del carattere distintivo di qualcosa (207c)

1) Se è questa, allora spiega chiunque sappia parlare e il logos non aggiunge nulla di esplicativo alla cosa e non ci potrà mai essere un parere senza conoscenza (206e).

2) Si possono enumerare le parti senza averne conoscenza, mediante una pura arte combinatoria, mentre la vera conoscenza è percorrere l’essenza attraverso le parti (207b), cosa che non si fa e non è necessario fare quando si apprendono le parti di qualcosa, come per esempio le parti del linguaggio. Quest’ultimo si impara esattamente come una semplice arte combinatoria (208a). Quindi ci può essere un retto parere con spiegazione, cioè enumerazione delle parti, ma questa spiegazione non trasforma il retto parere in conoscenza.

3) Indicare un tratto distintivo di una cosa lo si può fare senza conoscenza. Come quando per esempio formulo un parere su Tizio, che, essendo su Tizio e non su Caio, deve implicare l’indicazione della differenza tra Tizio e Caio, ma non comporta necessariamente la conoscenza di Tizio (209 b-d). In questo modo l’aggiunta di una spiegazione al retto parere non sarebbe altro che l’aggiunta di qualcosa che è già contenuta nel retto parere, e risulta quindi una pura tautologia (210a).

Conclusione                                                                                                                                                         Riassumendo la conoscenza non potrà essere né una sensazione, né un parere vero, né una spiegazione che accompagna un parere vero. Riguardo a questo tema, pur avendo detto molto, si è ancora “gravidi e in preda alle doglie”. Grazie a tale indagine Teeteto potrà rimanere incinto di altri e migliori pensieri. Se invece non vorrà svilupparla, rimarrà vuoto, ma non penserà di sapere ciò che non sa. Questo è in fondo lo scopo dell’arte ostetrica che unisce la mamma di Socrate e lui stesso, l’una con le donne incinte, l’altro per i giovani nobili e per coloro che sono belli.